Corso di Alta Formazione Professionale Tecnico superiore del verde

Il corso mira allo sviluppo di conoscenze e competenze operative e di controllo negli ambiti della progettazione, della realizzazione e gestione ordinaria e straordinaria di aree verdi, nonché della produzione florovivaistica.

Figura professionale e sbocchi occupazionali

Il Tecnico superiore del verde opera nella filiera di produzione di beni e servizi del comparto agrario; è una figura specialistica in grado di intervenire, eventualmente interagendo con professionisti e tecnici, su aspetti e problematiche tecnico/gestionali relative: alla produzione e al controllo di materiale floro-vivaistico; alla progettazione, alla realizzazione e alla gestione ordinaria e straordinaria di aree verdi ai fini del miglioramento della loro qualità. In riferimento a tali processi e ambiti di attività, possiede competenze tecnico gestionali di supporto: alla promozione dell’innovazione di processo, prodotto e servizio; alla gestione dei cicli di lavorazione, al presidio delle procedure di controllo sia delle attrezzature e macchine, dei sistemi tecnologici, dei materiali, delle tecniche e procedure, al fine di assicurare il rispetto di standard di qualità, di sicurezza e conformità secondo le normative di settore.

La figura ha un profilo polivalente e trasversale rispetto ai diversi comparti del settore del verde; lo sbocco professionale è rappresentato da tutte le aziende pubbliche, private e cooperative operanti nella produzione di materiale floro-vivaistico e nella realizzazione e gestione di aree verdi, nonché nell’amministrazione pubblica; lo sbocco è anche nella libera professione in qualità di consulente a professionisti e a privati cittadini.

Processi di lavoro caratterizzanti la figura

  • Progettazione di aree verdi 
  • Realizzazione, recupero, gestione e valorizzazione di aree verdi
  • Produzione e controllo di materiale floro-vivaistico

Percorso formativo

Il percorso formativo ha durata biennale, con un impegno orario complessivo di 3.000 ore, di cui 1.200 ore di praticantato.

Il monte ore è ripartito in quattro semestri e suddiviso per contesto formativo come di seguito dettagliato:

- Ore di lezione, esercitazioni, visite, eventi, conferenze, convegni.

- Ore di autoformazione assistita, con studio e attività individuali o di gruppo strutturate anche con il sussidio della piattaforma web e il costante monitoraggio dei docenti e/o dei tutor. Comprende attività di riallineamento, potenziamento, recupero.

- Ore di alternanza/ praticantato.

- Ore di counseling e studio personale.

 

Il corso si articola nelle seguenti Unità Formative:

1 PARCHI, GIARDINI E PAESAGGIO

2. ECOLOGIA APPLICATA E ANALISI DELL’AMBIENTE

3. AGRONOMIA, TECNICHE DI COLTIVAZIONE DELLE PIANTE E MECCANIZZAZIONE

4. DIFESA DELLE PIANTE

5. BOTANICA SISTEMATICA APPLICATA

6. MATERIALI, MANUFATTI, ARREDI E IMPIANTI TECNOLOGICI

7. AIUOLE, BORDURE, ALLESTIMENTI TEMPORANEI E DA INTERNI

8. TAPPETI ERBOSI

9. ALBERI E ALBERATE

10. VERDE PENSILE E ALTRO VERDE TECNICO INNOVATIVO

11. CARTOGRAFIA, STRUMENTI E RILIEVI

12. CONTRATTUALISTICA E MERCATI

13. PROCEDURE AMMINISTRATIVE E CONTABILI E ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLE OPERE A VERDE

14. PROGETTAZIONE DI AREE VERDI

15. NORMATIVE

16. METODI DI INDAGINE E SPERIMENTAZIONE

17. INFORMATICA APPLICATA

18. LINGUA INGLESE

19. TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE DELLA REALTA’

20. COMUNICAZIONE, INNOVAZIONE E AGGIORNAMENTO

21. CICLI E PRATICHE COLTURALI

22. ASPETTI ECONOMICI DELLA PRODUZIONE

23. PRATICANTATO

Attività

Sono previste:

Attività di gruppo: lezioni, esercitazioni, visite a fiere e manifestazioni, uscite tecniche, partecipazione a convegni, testimonianze di esperti del settore.

Praticantato:presso aziende del settore, presso studi di liberi professionisti e pubbliche amministrazioni, presso vivai, che si occupano di realizzazione e manutenzione del verde, progettazione e produzione florovivaistica.

Le metodologie formative, in aula e nei praticantati in contesto lavorativo, mirano all'apprendimento guidato, anche grazie al supporto tutoriale.

Bilancio valutativo in ingresso

E’ previsto un bilancio valutativo in ingresso, che consente di:

  • Valorizzare le competenze acquisite da ciascuno nel corso dell'attività di studio e/o nell'ambito dell'attività lavorativa e professionale, mediante il riconoscimento di crediti formativi;
  • Partecipare al percorso secondo un piano formativo personalizzato, concordato con Coordinatore e Tutor del percorso, che accompagneranno in itinere lo studente.

Requisiti formali per l’adesione alla valutazione in ingresso

Possono accedere alla valutazione in ingresso al percorsi di Alta formazione professionale, coloro che sono in possesso dei seguenti requisiti formali:

  • Persone occupate, in possesso di qualsiasi titolo di diploma di scuola secondaria superiore con propensione al settore;
  • Diploma di scuola secondaria superiore con esperienza professionale e/o formativa nel settore;
  • Giovani in possesso del diploma di scuola secondaria superiore con propensione al settore (per giovani si intende di norma coloro che NON hanno superato il 29° anno di età).

Le adesioni alla valutazione in ingresso si potranno effettuare accedendo al Portale dei servizi online del Trentino. Uno spazio dedicato all'Alta Formazione Professionale sarà reso disponibile da Informatica Trentina a partire dal primo di agosto.

Per informazioni a riguardo, contattare la responsabile dell’area didattico-organizzativa.

Coordinatore Franco Frisanco: franco.frisanco@fmach.it

Responsabile area didattico-organizzativa Romina Angeli: romina.angeli@fmach.it

Tutor dell'apprendimento e prove dimostrative Lorenzo Adami: lorenzo.adami@fmach.it

Seguici anche su facebook

https://www.facebook.com/tecnicosuperioredelverde