Segnala la Zanzara Tigre!

BugMap - un progetto di citizen science

Segnala la Zanzara Tigre!

Aedes albopictus, conosciuta come “zanzara tigre” è una specie di origine asiatica arrivata in Italia nel 1990. Anche se di origine tropicale, questa zanzara è in grado di superare le rigide stagioni invernali dell’Italia settentrionale grazie alla capacità di produrre uova resistenti alle basse temperature ed al disseccamento.

In poco tempo la zanzara tigre si è fortemente radicata sul territorio di varie regioni entrando in competizione con la zanzara comune e nel corso degli anni l’ha superata in abbondanza, specialmente nelle zone urbane. A partire dall’estate 2001 la zanzara tigre ha avuto una progressiva e rapida espansione in Trentino, conquistando via via nuove zone e arrivando nel 2008 nella città di Trento.

I cambiamenti climatici in atto stanno favorendo la sua espansione creando nuove zone favorevoli al suo insediamento. Per questo motivo, la Fondazione Edmund Mach ne sta monitorando la diffusione in provincia di Trento al fine di quantificare l’infestazione e per individuare precocemente eventuali focolai di altre specie di zanzare invasive creando una utile mappa di presenza/distribuzione. 

CITTADINI CON LA SCIENZA!

I cittadini possono collaborare in prima persona a questo grande progetto di ricognizione. Sarà sufficiente fotografare le zanzare ed inviare il materiale alla Fondazione Edmund Mach attraverso l'installazione della app per smartphone Bugmap. Nata per monitorare l'espansione della cimice asiatica in Trentino, questa app è ora disponibile anche per la segnalazione delle zanzare invasive. Sarà sufficiente scaricarla gratuitamente dal Google playstore o da App store ed installarla sul proprio smartphone.

Come distinguere zanzara tigre

Distinguere la zanzara tigre dalle altre specie di zanzara è semplice! Aedes albopictus ha un corpo nero con striature bianche su capo, torace addome e zampe. Le sue dimensioni sono comprese tra i 4 e i 10 mm.

Non potete sbagliarvi! Collaborate con noi!

In ogni caso, tutte le foto inviate verranno osservate da un tecnico della Fondazione per confermare, ove possibile, la specie.

bugmap con zanzare e cimici volantino