Il Master ha lo scopo di formare specialisti in grappa e acqueviti

Master universitario in scienze della grappa.
Iniziativa del Consorzio Interuniversitario Iniziative Universitarie nei settori Agro-Alimentare, Viti-Vinicolo e relative attività Industriali.

Il Master ha lo scopo di formare specialisti in grappa e acqueviti

Giovedì, 20 Maggio 2004

Il Master Universitario di primo livello in scienze della grappa, attivato dall'Università degli Studi di Udine, nasce come iniziativa del Consorzio Interuniversitario Iniziative Universitarie nei settori Agro-Alimentare, Viti-Vinicolo e relative attività Industriali.
È organizzato dall'Istituto Agrario di San Michele all'Adige in collaborazione con le Università degli Studi di Trento e Udine, il Centro Studi e Formazione Assaggiatori s.c.a.r.l. e l'Istituto Nazionale Grappa.
In undici settimane di lezioni e esercitazioni, comprese nel periodo dal 24 maggio 2004 al 13 dicembre 2005 , fra le sedi di Cormòns e San Michele all'Adige, verranno forgiati i super-esperti in grappa e acqueviti, che, dal raspo d'uva alla bottiglia, alla fine, conosceranno ogni dettaglio della vita di un distillato: da come è organizzata la struttura economica del comparto alle tecniche di confezionamento del prodotto finito, da una maggior conoscenza della materia prima al miglioramento delle tecnologie di produzione, dal miglioramento qualitativo del prodotto finale sia per quanto concerne gli aspetti chimici e sensoriali ad un approfondimento delle conoscenze anche per quanto attiene la comunicazione e il marketing.
Il master è aperto ad un numero massimo di 20 persone laureate nelle classi relative ad Agraria, Chimica, Ingegneria, Medicina, Veterinaria, Scienze Matematiche Fisiche e Naturali, Scienze Biologiche, Biotecnologie e Farmacia. Ma potranno iscriversi anche laureati di altre facoltà, purché abbiano un piano di studi che, a giudizio del consiglio del master, risulti in linea con le finalità del corso avanzato. Porte aperte anche per gli enologi e per i diplomati in possesso di un titolo di scuola media superiore, che potranno frequentare i singoli moduli, che costituiscono altrettanti corsi di aggiornamento del valore di 4 crediti formativi universitari (Cfu) fino a un massimo di 10 posti ciascuno.
Il corso, che si svolgerà all'Istituto Agrario di San Michele all'Adige e nella sede di Cormòns dell'Ateneo di Udine, prevede 440 ore di lezioni frontali ed esercitazioni equivalenti a 11 moduli, che daranno diritto ciascuno a 4 crediti universitari (CFU), 250 ore di stage (10 CFU) e una prova finale (6 CFU).
La frequenza ai corsi è obbligatoria. Per il conseguimento del titolo di master è previsto un limite minimo pari al 75 per cento del monte ore totale previsto. Lo stesso vale anche per i corsi di aggiornamento.
"L'esigenza di colmare quella che fino ad oggi poteva essere considerata una lacuna nel panorama accademico-formativo della vitienologia nazionale - spiega il presidente dell'Istituto Agrario, Giovanni Gius- era da tempo all'attenzione dell'Istituto Agrario che per competenza e tradizione da sempre segue e si è specializzato nel comparto viticolo ed enologico".
San Michele, ricordiamo, gestisce una scuola di istruzione secondaria che in sei anni porta al diploma di enotecnico; effettua ricerche specifiche nel settore vitivinicolo, anche di elevato spessore internazionale e con risultati significativi, fra le quali la recente realizzazione della mappa fisica del genoma della vite, e svolge attività di consulenza tecnica per il trasferimento dell'innovazione sia alle aziende di produzione che alle strutture di trasformazione. Attività tutte che hanno portato già alcuni anni or sono, in collaborazione con la Facoltà di Agraria di Udine e con la Fachhochschule di Wiesbaden, sezione staccata di Geisenheim, alla realizzazione del diploma universitario e successivamente, con l'apporto dell'Università di Trento, al diploma di laurea triennale in viticoltura ed enologia. "Il master che oggi viene presentato - sottolinea il presidente Gius- vuole anche essere un esempio di come si possa e si riesca a lavorare in sinergia fra enti di natura diversa".
La grappa - aggiunge - è e deve essere sempre più un prodotto di qualità e di nicchia, un prodotto che, come tante produzioni agricole, deve confrontarsi con il mercato, con la globalizzazione e quindi con una concorrenza sempre più agguerrita. La sfida si potrà vincere puntando sulla diversificazione da altri prodotti similari e sulla qualità per fa sì che, grazie alla realizzazione del master, la grappa acquisti maggiore notorietà e riesca ad affermarsi anche all'estero.
FIGURA PROFESSIONALE: MASTER IN SCIENZE DELLA GRAPPA
Il Master ha lo scopo di formare specialisti in grappa e acqueviti, attraverso un percorso formativo in grado di fornire le seguenti abilità:
* gestione economica del comparto;
* analisi strumentale;
* analisi sensoriale;
* conoscenza, approvvigionamento e cura della materia prima;
* progettazione degli opifici e degli impianti;
* tecnica di distillazione, di affinamento e confezionamento;
* marketing e comunicazione.
MODALITÀ DI AMMISSIONE
La selezione dei partecipanti al Master e ai Corsi di Aggiornamento avverrà per   titoli e sarà curata da apposita Commissione.
STRUTTURA DEL MASTER
L'impegno complessivo per i partecipanti è così suddiviso:
* 11 settimane di lezioni frontali ed esercitazioni per un totale di ore 440, equivalenti a 11 moduli, che daranno diritto ciascuno a 4 crediti universitari (CFU); 250 ore di stage (10 CFU) e una prova finale (6 CFU).
* Articolazione: frequenza giornaliera a tempo pieno durante l'ultima settimana di ciascun mese a partire dal gennaio 2005 fino al luglio 2005 . Il calendario di massima del Master sarà comunicato all'inizio del corso.
* Durata: dal 24 maggio 2004 al 13 dicembre 2005 (le lezioni avranno termine il 29 luglio 2005 per consentire agli allievi l'attività di stage e la preparazione della tesi finale).
* La frequenza ai corsi è obbligatoria e costituisce condizione necessaria per l'ottenimento del titolo di Master (il limite minimo per il conseguimento del titolo è pari al 75% del monte ore totale previsto). Tale obbligatorietà prevista anche per i Corsi di Aggiornamento.
STRUTTURA DI GESTIONE DEL MASTER
Il consiglio di corso del Master è così composto
- Prof. Roberto Zironi (Presidente)
- Prof. Giovanni Carturan
- Prof. Francesco Donati
- Prof. Enrico Peterlunger
- Prof. Massimo Bertamini
- Prof. Luigi Odello
- Prof. Francesco Spagnolli
- Prof. Giuseppe Versini
SEDE DEL MASTER
Il Master si terrà presso l'Istituto Agrario di San Michele a/A e presso la sede di Cormons (GO) dell'Università degli Studi di Udine.
Le eventuali spese di alloggio e vitto saranno a carico degli allievi che potranno usufruire di posti convenzionati in entrambe le sedi.
INDENNITÀ E RIMBORSI
Ai partecipanti verrà fornito gratuitamente il materiale didattico.
Le eventuali spese di alloggio e vitto saranno a carico degli allievi che potranno usufruire di posti convenzionati in entrambe le sedi.
PROVE FINALI E CERTIFICAZIONE
Al termine del Master è previsto, dopo la verifica delle conoscenze acquisite e la discussione della tesi finale, il rilascio del titolo di Master Universitario di primo livello ai sensi del DM 509/99 da parte dell'Università degli Studi di Udine che darà diritto a 60 crediti universitari.
Ai partecipanti ai Corsi di aggiornamento, a seguito di superamento della prova finale, verrà rilasciato un attestato di frequenza con l'indicazione dell'acquisizione dei 4 CFU.
ISCRIZIONE - MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE
La domanda di partecipazione al Master Universitario di I livello in Scienze della Grappa dovrà essere presentata entro la settimana antecedente l'inizio di ciascun modulo.
QUOTE DI PARTECIPAZIONE
-Quota di iscrizione ai Corsi di aggiornamento 500 euro (qualora un corsista si iscriva a più di 4 corsi di aggiornamento, la quota di iscrizione è fissata in 2000 euro).
Segreteria Corsi
Ripartizione Didattica
Sez. Servizi agli Studenti e ai Laureati
Via Mantica 3 -UDINE
Tel. 0432 556680 - infostudenti@amm.uniud.it
apertura sportello da Lun. a Ven. 9.45 - 11.45