L'oidio della vite

L'oidio della vite
ISBN 978-88-7843-007-5

Anno edizione: 2007

Pagine: 86

Disciplina: Viticoltura

Tipologia di materiale: Monografia

L'oidio della vite, conosciuto anche con il nome di "mal bianco", è normalmente presente nei vigneti della penisola italiana, ma causa problemi soprattutto nell'Italia Meridionale ed Insulare, dove è in genere più diffuso della peronospora. Negli ultimi anni, però, ha subito un forte incremento anche in provincia di Trento destando, in certe annate, maggior preoccupazione della peronospora, considerata tradizionalmente la malattia più frequente nei vigneti del nord Italia. L'oidio, al pari della peronospora, può avere un impatto disastroso sulla produzione viticola, sia in termini quantitativi, sia qualitativi. I danni sono dovuti principalmente alle caratteristiche biologiche del fungo che lo rendono, da un lato poco dipendente dalle condizioni climatiche e dall'altro gli conferiscono un'elevata capacità di moltiplicazione e diffusione rendendo impegnativa la difesa contro la malattia.
Il presente testo nasce con l'obiettivo primario di riassumere preziose informazioni per l'agricoltore sui diversi aspetti relativi alla malattia. In particolare sono trattati aspetti utili a pianificare una corretta gestione dell'oidio, come la biologia del patogeno, le modalità di manifestazione e di sviluppo della malattia, gli agrofarmaci ed i mezzi tecnici disponibili e vengono presentate le ultime novità dalla ricerca effettuata dal Centro SafeCrop dell'Istituto Agrario di San Michele all'Adige.

Prezzo e modalità di acquisto:

Il testo è scaricabile gratuitamente in versione pdf al seguente link: http://hdl.handle.net/10449/15511

Attenzione: la presente opera è coperta dal diritto d'autore ai sensi della L. 633/1941 e successive modifiche. La sua riproduzione è pertanto vietata con qualsiasi mezzo analogico o digitale, senza il consenso scritto dell'autore. Sono consentite unicamente la citazione o la riproduzione di brani o parti dell'opera (ad esclusione dell'intera opera) per uso esclusivamente personale e non a scopo di lucro, con citazione della fonte e dell'autore.