Rientrata oggi da Geisenheim (Germania) la delegazione dell'Istituto Agrario che ha partecipato alla cerimonia per il 10° anniversario della collab...

Alta formazione e ricerca, dieci anni di collaborazione trasnazionale

Istituto Agrario e Fachhochschule di Wiesbaden: Grande cerimonia al Domzentrum di Geinsenheim

Martedì, 04 Aprile 2006

“L'iniziativa ha percorso dieci anni di vita ed è un illuminato esempio di collaborazione trasnazionale che ha anticipato i tempi, ha valorizzato le competenze dei singoli partner, ha permesso di allacciare e rinsaldare rapporti fra atenei diversi e l'Istituto Agrario di San Michele”. Con queste parole il presidente Giovanni Gius ha aperto il suo intervento alla cerimonia per il 10° anniversario della collaborazione tra Istituto Agrario e Fachhochschule di Geinseheim nel settori dell'alta formazione e della ricerca.
Presso il Domzentrum della città tedesca il presidente di San Michele, che ha guidato la delegazione composta da alcuni dirigenti e ricercatori e da ex diplomati del corso di laurea in Viticoltura ed Enologia, ha sottoscritto il documento commemorativo dei primi dieci anni di collaborazione (foto) assieme a Clemens Klockner, “presidente” della Fachhochschule di Wiesbaden, Angelo Vianello, preside della Facoltà di Agraria dell'Università degli Studi di Udine, Aronne Armanini, professore dell'Università di Trento nonché presidente del Consorzio Interuniversitario denominato “Iniziative universitarie nei settori Agro-Alimentare, Viti-Vinicolo e relative Attività Industriali” (che coinvolge Istituto Agrario, Università di Trento -Facoltà di Ingegneria, Università di Udine -Facoltà di Agraria e Fachhochschule di Wiesbaden-Geisenheim).
Il presidente Gius, nel suo intervento, ha comunicato che presumibilmente entro la fine dell'anno l'Istituto Agrario diventerà una fondazione privata ( Fondazione Edmund Mach ) con un nuovo statuto, un nuovo consiglio di amministrazione, una nuova modalità di gestione e che entro un paio di anni tutte le attività svolte dall'attuale ente saranno trasferite a detta fondazione. Inizierà pertanto un nuovo percorso, una sfida stimolante, che offrirà opportunità per crescere e per migliorare ancora. “Fra queste – ha detto- non va abbandonata la possibilità di divenire università privata, con un percorso di laurea in viticoltura ed enologia di elevato profilo, che sappia valorizzare le attività realizzate dal centro di ricerca, fra le quali di particolare rilevanza la decodificazione completa del genoma della vite, e nel contempo sia in grado di fornire una formazione qualificata, nel solco e nella tradizione di quello che è stato San Michele dalla sua costituzione ad oggi”.
In questi dieci anni cento studenti hanno conseguito la laurea in Viticoltura ed Enologia; la metà ha ottenuto anche il doppio titolo italiano –tedesco nell'ambito della collaborazione tra San Michele e Geinsenheim e il 95 per cento di loro ha già trovato un'occupazione.
La cerimonia si è svolta in concomitanza dell'annuale convegno dell'associazione nazionale degli enologi tedeschi sul tema relativo ai fattori da stress in viticoltura ed enologia, al quale sono intervenuti, tra gli altri, i ricercatori dell'Istituto Agrario: Giuseppe Versini, Massimo Bertamini e Agostino Cavazza.

Istituto Agrario-Fachhochschule di Wiesbaden (sede di Geisenheim), le fasi della collaborazione
L'atto di collaborazione è stato sottoscritto il 13 gennaio 1996 per istituire a San Michele un corso di studi in Viticoltura ed Enologia a San Michele con il rilascio del diploma della Fachochschle di Wiesbaden. Nel 1999, per acquisire ulteriori competenze e per agevolare il riconoscimento del titolo di studio, è stata chiesta la collaborazione della facoltà di Agraria dell'Università di Udine con la stipula della convezione per il conferimento del doppio diploma.
Nel 2002 nasce il Consorzio interuniversitario fra l'Università di Udine, l'Università di Trento, l'Istituto Agrario di San Michele all'Adige e la Fachhochschule di Wiesbaden, Fachbereich Geisenheim. Il Consorzio diploma gli enologi secondo l'ordinamento universitario italiano e, con un'integrazione di studi, consente il doppio riconoscimento italo-tedesco del titolo.
Sono complessivamente oltre cinquanta gli studenti che hanno ultimato gli studi conseguendo il doppio titolo, un percorso ed un attestato che hanno dato loro sicuramente soddisfazione se è vero che il 95% ha trovato facile inserimento nel mondo del lavoro.

Con cortese richiesta di pubblicazione e/o diffusione
Segue foto

Ufficio stampa
S.Michele all'Adige, giovedì 6 aprile 2005
??